Archivio della categoria: Tecnologia

Android 4.4.1 su Nexus5 con grossi miglioramenti alla fotocamera

fonte: androidiani.com

Android 4.4.1 su Nexus 5 con grossi miglioramenti alla fotocamera  [UPDATE: Roll out iniziato e DOWNLOAD]
Non è un mistero che il comparto fotografico sia ormai un chiodo fisso per Google: a Mountain View si sta infatti giocando molto su questo campo, e nella prossima release di Android dovremmo vedere i primi frutti su Nexus 5. A parlarne in modo specifico è stato il Capo dell’Engineering Android, Dave Burke

Intervistato da The Verge, Burke sottolinea l’importanza, per l’utenza smartphone, della fotocamera, componente sulla quale le aspettative sono mutate radicalmente nel corso degli anni:

Gli utenti vogliono che il proprio smartphone sia in grado di fare foto come una reflex. Anche considerando solo l’ultimo anno, l’asticella della qualità e delle aspettative si è alzata sempre più. E questo è accaduto anche al nostro interno. Penso che possiamo fare meglio, e che lo stiamo facendo.

Fatta questa premessa, Burke si avventura nella descrizione dei cambiamenti che in cinque settimane sono stati apportati al comparto fotografico di Android, e che verranno riversati nell’update 4.4.1, che arriverà su Nexus 5 nei prossimi giorni. Si parte dall’ottimizzazione di autofocus, esposizione, e bilanciamento del bianco, con il software in grado di “leggere” meglio le condizioni di luce circostanti, applicare i parametri giusti e catturare scatti più rapidamente. “In questo modo si risolve il problema delle foto mosse, e si rende tutto più veloce”, precisa Burke.

La velocità è il filo conduttore di questo update, in quanto anche l’apertura dell’app Fotocamera è stata resa più rapida di circa un secondo. Dopo l’update, inoltre, otterremo immagini più contrastate con colori più vividi: Burke conferma che si tratta di un cambiamento intenzionale, e le prime impressioni paiono positive, sebbene in alcuni casi questo effetto sia parso esagerato.

Insomma, la fotocamera di Nexus 5 è ancora ben lontana dalla perfezione (è lo stesso Burke ad ammettere che c’è ancora molto da fare), ma i miglioramenti apportati paiono innegabili e nei prossimi mesi dovrebbero arrivarne ancora. Vi lasciamo con alcuni scatti (alcuni comparativi) e attendiamo le vostre opinioni.

UPDATE 22:15 – Roll out iniziato

Tramite un post dal profilo ufficiale G+ di Android, Google ha annunciato che l’update a KitKat 4.4.1 è iniziato oggi e arriverà gradualmente su tutti i Nexus 5; attendiamo notizie per Nexus 7.

Schermata 2013-12-05 alle 22.18.33

E’ già disponibile il file OTA per l’aggiornamento, scaricabile a questo indirizzo.

Per installare l’OTA è necessario avere il Nexus 5 originale senza alcuna modifica e disporre dell’SDK di Android sul proprio computer.

  1. Collegare il dispositivo al computer
  2. Copiare il file OTA nella cartella Platform-tools sotto ad SDK
  3. Da terminale navigare fino a sdf/platform-tools sul proprio computer e digitare: adb reboot recovery (preceduto da ./ su sistemi Mac/Linux)
  4. Comparsa l’immagine di un Androide, premere il tasto accensione e volume su
  5. Quando compare la schermata successiva rilasciarli
  6. Selezionare apply update via adb
  7. Sempre da terminale digitare: adb sideload percorso_completo_del_file_ota.zip
  8. Dare invio e l’installazione si avvierà

Sei motivi per comprare l’iPhone 5c e non il 5s

fonte: wired.it

Ok, ammettiamolo. Questo post ricorda un po’ la favola della volpe e l’uva. E va controcorrente, visto che il pubblico sembra premiare, almeno nelle prime settimane di vendita, lo smartphone top di gamma di casa Apple. Ma noi siamo convinti che ci siano degli ottimi motivi per puntare sul coloratissimo e plasticoso iPhone 5c. Per la precisione sei.

iPhone 5c e iPhone 5s (Foto: Maurizio Pesce / Wired)

(Foto: Maurizio Pesce / Wired)

1 – COSTA MOLTO MENO
È vero che il prezzo di listino è inferiore a quello dell’iPhone 5s di soli 100 euro, 629 euro contro 729, ma in rete si trovano già sconti clamorosi. Puoi trovare il 5c sotto i 500 euro su Amazon e Groupon, ma spulciando un po’ il web si riesce a scendere ancora di qualche decina di euro. Anche le offerte dei gestori sono particolarmente convenienti: Tre, per esempio, te lo dà con pacchetti a partire da 19,50 euro al mese. Tieni conto che fino a qualche mese fa un iPhone 5 (tecnicamente identico al 5c) a questi prezzi te lo sognavi.

2 – PUOI TRATTARLO MALE Non sarà indistruttibile, ma di sicuro il suorivestimento in plastica, un policarbonato lucido speciale
rinforzato da una maglia di metallo, è meno delicato dell’alluminio del 5s. E se una cover protettiva è sempre consigliabile,
finalmente non devi temere che si graffi o si ammacchi a ogni piccola caduta o addirittura tenendolo in tasca insieme a chiavi o monete.

3 – È PIÙ BELLO Ok, questa è soggettiva. Ma un iPhone colorato lo sognavano in tanti da anni, tanto che in rete si erano diffusi prototipi non ufficiali, cover di tutti i tipi e servizi per personalizzare e colorare a piacere il proprio smartphone, tipoquesto. Ora finalmente ognuno ha la sua tonalità: dal giallo limone (il più richiesto) all’azzurro cielo, dal rosa salmone al verde pisello. In più, l’interfaccia del sistema operativo iOS 7 che sia abbina al colore del guscio è un tocco di classe.

4 – CHISSENEFREGA DELLE NOVITÀ Il 5c non ha il nuovo, potentissimo, processore A7 e il coprocessore di movimento M7, ma le app
ottimizzate per questo hardware sono ancora poche e nell’uso di tutti i giorni sono differenze che si notano poco. Manca anche il Touch ID, il celebre lettore di impronte digitali dell’iPhone 5s, e la fotocamera è inferiore: quella del 5s ha i pixel più larghi, una luminosità maggiore, lo scatto a raffica più rapido e soprattutto la divertentissima funzione moviola. Se non sei un impallinato fanatico dell’hi-tech e riesci a fare a meno di queste migliorie, avrai comunque tra le mani un ottimo smartphone, uno dei migliori in circolazione.

5 – LO RICONOSCONO TUTTI A differenza dell’iPhone 5s, che un occhio poco attento può confondere con il modello precedente (persino il nuovo colore dorato è simile all’argento), il 5c è inconfondibile. Almeno in questi primi mesi dal lancio, quando lo tiri fuori in luoghi affollati, hai la
certezza che verrà riconosciuto come “il nuovo iPhone” e susciterà la curiosità (spesso anche le domande) dei presenti.

6 – È UN PIACERE TOCCARLO Chi amava tenere in mano l’iPhone 3GS e ricorda quella soddisfazione tattile che dava il suo guscio liscio e curvo, sarà contento. Il 5c è liscio e “morbido”, non ha gli spigoli dei modelli 4 e 5, e non dà quella fredda sensazione di toccare il metallo. Persino i tasti di accensione e del volume sono meno sporgenti e più integrati con il guscio rispetto a quelli del 5s.

I futuri iPhone utilizzeranno il riconoscimento del volto per bloccare determinate funzioni agli sconosciuti

fonte: ispazio.net

Come da titolo, secondo un recente brevetto Apple introdurrà sui propri dispositivi una nuova tecnologia in grado di riconoscere il volto del proprietario, il quale servirà a bloccare e/o nascondere determinate funzioni ad utenti non autorizzati.

face detection

Come spiegato dalla fonte, il sistema è composto da due processi: attraverso il primo verrà rilevato il volto in una determinata area, mentre con il secondo si attiverà il riconoscimento del volto e, nel caso non corrisponda, verranno bloccate e disattivate determinate funzioni. In questo modo i futuri iPhone, iPad e Mac potrebbero nascondere (ad esempio) tutte le notifiche (messaggi, email, ecc.) presenti nella lockscreen a chiunque tenti di sbirciare sul nostro dispositivo.

Un’altro esempio citato dalla fonte potrebbe essere l’arrivo di una chiamata su iPhone. Se la persona che sta guardando lo schermo del dispositivo non è un utente autorizzato, lo schermo dell’iPhone rimarrà spento continuando a suonare e vibrare; viceversa, se la persona che guarda il display è il proprietario del dispositivo, verrà mostrata la classica interfaccia di chiamata in arrivo.

Il brevetto infine mostra un’interessante feature che è in grado di “imparare” a riconoscere, di volta in volta, il volto degli utenti, migliorandone il riconoscimento giorno dopo giorno.

Oppo apre il Black Friday con sconti per Find 5 ed R819

fonte: androidiani.com

Oppo apre il Black Friday con sconti per Find 5 ed R819
Le grandi aziende hanno ufficialmente aperto le danze per lo shopping natalizio frenato da qualche ora ed anche i grandi store della tecnologia non si sono tirati indietro portando numerosi sconti ed iniziative per applicazioni, smartphone, tablet ed accessori. Già la scorsa settimana avevamo parlato dell’iniziativa del produttore cinese Oppo, infatti quest’ultimo durante le scorse ore avrebbe ufficialmente svelato le prime offerte per il Black Friday

I grandi sconti di Oppo partono in grande stile con due ottimi smartphone Android come il Find 5 e l’R819. Come avrete notato dalle immagini gli sconti sono:

  • Find 5: 399€ – 299€
  • R819: 269€ – 249€

Certamente i pochi euro di sconto di quest’ultimo non fanno entusiasmare molti utenti ma i 100€ in meno del top-gamma Find 5 sicuramente consentiranno ad Oppo di avere un enorme successo.

Queste offerte sono state applicate anche allo store europeo del produttore cinese, perciò non dovrete far altro che recarvi al link riportato in fonte per sfruttare queste iniziative.

Il Galaxy S5 disponibile in versione plastica o alluminio con batteria da 4.000 mAh | Rumor

fonte: ispazio.net

Emergono importanti novità per quanto riguarda il prossimo smatphone top di gamma Samsung, il Galaxy S5. Il dispositivo entrerà in produzione a gennaio, e sarà disponibile in due differenti modelli: in alluminio e in plastica. Ecco tutti i dettagli.

galaxy-s5

I due modelli saranno caratterizzati da diversi processori, Snapdragon 805 eSamsung Exynos Octa con architettura a 64-bit. Non è chiaro quale dei due telai ospiterà uno tra questi processori, ma probabilmente il vero dispositivo di punta sarà quello in alluminio, e quindi con processore più potente a 64-bit.

Parlando della domanda di mercato, Samsung pare alquanto modesta, con aspettative di vendita pari al 70% delle vendite del Galaxy S4. L’inizio della produzione è previsto per il mese di Gennaio, il che fa pensare ad un annuncio in Febbraio con conseguente lancio in Marzo.

Il resto delle specifiche sono piuttosto prevedibili:

  • Display AMOLED da 5″ con una possibile versione flessibile
  • risoluzione dello schermo di 2560×1440 pixel con una densità pari a560ppi
  • Due diversi modelli, uno con telaio metallico e uno con scocca in policarbonato
  • 3 GB di RAM
  • Fotocamera posteriore da 16 MP
  • Fotocamera anteriore da 2 MP

Per quanto riguarda la capacità della batteria citata dagli addetti ai lavori, siamo nell’ordine dei 4.000 mAh. Si tratta di una batteria davvero potente, che però richiede anche molto spazio (per le sue dimensioni. Quindi quest’ultimo dettaglio tecnico potrebbe non corrispondere alla realtà, anche se sarebbe interessante testare l’autonomia di uno smartphone con tale batteria.

Voi cosa ne pensate del nuovo Galaxy S5?

PowerUp 3.0: l’aeroplanino di carta controllato via Bluetooth, che potrebbe arrivare su Android

fonte: androidworld.it

aeroplanino android

Sarete ormai abituati agli insoliti e originali progetti di Kickstarter, ma quello di cui parliamo oggi ci ha stupiti perché, di primo acchito, pensavamo un po’ ad una buffonata, invece dobbiamo dire che gli sviluppatori di PowerUp 3.0 si prendono davvero molto sul serio.

Il principio è semplice: create il vostro aeroplanino di carta, inserite lo “smart module” composto da elica e controllore ben bilanciati, effettuate un bel lancio, e pilotate il tutto col vostro smartphone…iOS.

Il progetto è infatti nato per piattaforma Apple, ma gli sviluppatori promettono di portare l’app anche su Android, se raggiungeranno i 150.000 dollari di finanziamenti: considerando che siamo già a 94.000$ circa e che mancano ancora 58 giorni, ci sono tutto sommato buone probabilità di farcela. Speriamo solo che vengano portate a dovere tutte le funzioni dell’app per iPhone, perché sembra davvero ben realizzata.

Con iOS 7.1 miglioreranno le prestazioni e la durata della batteria di iPhone 4 e 4S

fonte: ispazio.net

Il 20 Novembre Apple ha rilasciato la prima beta di iOS 7.1 agli sviluppatori. Noi vi abbiamo raccolto in un unico articolo tutte le piccole novità introdotte con il nuovo software. Questo aggiornamento sarebbe però indirizzato a tutti quei dispositivi “appesantiti” con l’installazione di iOS 7.

ios7

 

Secondo le dichiarazioni di Nando Cannone, fondatore della BlueWeb, il nuovo aggiornamento di iOS 7 sarà volto a migliorare le performance dei “vecchi” dispositivi. Alcuni utenti si sono ritrovati con un iPhone a detta loro “inutilizzabile” dopo l’aggiornamento ad iOS 7 perché privo della fluidità e longevità della batteria che lo contraddistingueva.

Credo che sia un aggiornamento strutturale rivolto soprattutto ai dispositivi non a 64 bit, soprattutto per raggiungere una maggiore fluidità. Lo interpreto soprattutto come miglioramento delle prestazioni nei dispositivi meno recenti. L’iPhone 4 prende un po’ di respiro.

I nostri iPhone 4 dovrebbero quindi “tornare in vita” con il prossimo aggiornamento ad iOS 7.1 acquistando maggiore fluidità nel loro utilizzo. Con iOS 7.1 beta anche la durata della batteria di iPhone 4 e iPhone 4S sembra aumentata; una sensazione comunque importante trattandosi di una prima beta.

All’interno del codice poi si presagisce qualche novità che potrebbe essere implementata magari nelle prossime beta. Vi aggiorneremo appena avremo nuovi dettagli!

La prossima generazione di Galaxy Gear arriverà in concomitanza con il Galaxy S5

fonte: androidiani.com

La prossima generazione di Galaxy Gear arriverà in concomitanza con il Galaxy S5
Secondo ETNews, magazine molto vicino a Samsung, la casa coreana sarebbe a lavoro sul successore dell’amato/odiato Galaxy Gear, primo vero smartwatch dell’azienda. Sembra infatti che Samsung, accolte le critiche dei consumatori, voglia proporre sul mercato un prodotto più “maturo” dell’ormai noto Galaxy Gear, ma allo stesso tempo dal design più raffinato.
 Si parla dunque di un modello del 15-20% più sottile del suo predecessore, che dovrebbe debuttare entro marzo-aprile, in concomitanza con il lancio del Galaxy S5, prossimo top di gamma della casa coreana. Non si hanno notizie riguardo la scelta o meno di imporre una sorta di “whitelist” di device per utilizzare lo smartwatch, come già avviene con l’attuale Gear, ma speriamo vivamente che Samsung si ravveda e renda compatibile il prossimo gioiellino tecnologico con tutti gli smartphone Android. Voi che ne pensate? Dareste una possibilità al Gear 2?

JOBS, il film è disponibile all’acquisto ed al noleggio su iTunes Store

fonte: ispazio.net

Dopo il debutto in anteprima al Sundance Film Festival ed alle successive recensioni decisamente poco brillanti, JOBs è stato ufficialmente reso disponibile all’acquisto su iTunes.

jobs

Interpretato da Ashton Kutcher nel ruolo del co-fondatore di Apple Steve Jobs, il film racconta la vita del giovane, brillante e appassionato imprenditore, la cui genialità ha dato il via alla rivoluzione digitale che ha cambiato per sempre il nostro modo di vivere e comunicare. Cresciuto in un sobborgo operaio nel nord della California, dopo essersi ritirato dal Reed College, Steve Jobs è un’anima persa alla disperata ricerca di un’identità. Viaggia in India alla ricerca dell’illuminazione e, come tanti della sua generazione, sperimenta droghe allucinogene, trovandosi alla fine a sgobbare nell’anonimato per un creatore di videogame senza grandi speranze. Insofferente verso i limiti della vita impiegatizia, si tuffa nel marketing per promuovere una scheda computer inventata da un suo amico d’infanzia, il cervellone Steve “Woz” Wozniak (Josh Gad). Usando le sue innate qualità di marketing unite alle conoscenze tecnologiche, Jobs convince il proprietario di un vicino negozio di elettronica ad acquistarne 100 unità. Arruola una manciata di amici per assemblarle nel garage dei suoi genitori, ed è così che nasce la Apple!

Il film è stato reso da poco disponibile sull’iTunes Store americano: il prezzo di acquisto è di 19,99$ per la versione HD e 14,99$ per quella SD; come qualsiasi film disponibile sullo store, è possibile anche affittarlo al prezzo di 4,99$ per la versione HD e 3,99$ per quella SD.

Un giorno con iPhone 5S: test live durata batteria da HDblog (ore 16:50 – la morte)

fonte: hdblog.it

iPhone 5s unboxing (3)

Arriva anche per iPhone 5S il test live di durata della batteria, realizzato dallo staff di HDblog  al pari di quanto offerto per altri terminali, come ad esempioNexus 5 in tempi recenti.  Ce lo avete chiesto in tantissimi e non potevamo non effettuare questa prova cercando di sfruttare iPhone 5S sotto tutti gli aspetti senza abusare di un reparto piuttosto che di un altro. Lo scopo del test non è infatti cercare di scaricare più velocemente possibile uno smartphone, ma vedere l’autonomia reale utilizzando tutte le funzioni del telefono durante l’arco della giornata.

Vi aggiorneremo infatti ora per ora su stato della batteria, operazioni effettuate, connessioni utilizzate, dati mossi ed altre informazioni. L’uso sarà intenso e mirato ad utilizzare tutte le funzionalità cercando di  utilizzare il melafonino a 360°. Quante ore di operatività ci verranno offerte da una carica completa?Riusciremo a superare la durata di Nexus 5 a pari utilizzo ? Scopritelo attraverso il nostro test live.

Prima di iniziare la situazione prevede:

  • Luminosità automatica (tranne dove scritto)
  • Connettività dati attiva sempre (tranne nei momenti di utilizzo wi-fi)
  • Sincronizzazione automatica di tutti i servizi Apple
  • GPS attivo con tutte le connettività accese
  • Sfondo statico
  • Aggiornamento dati in background attivo
  • Facebook e Twitter attivi
  • Altre applicazioni attive con notifiche push (instagram e altre come whats app, mail, Line, etc)
  • Client Skype sempre attivo
  • Operatore di rete 3 Italia

Ore 10:00

screen battery1Abbiamo staccato lo smartphone dalla ricarica avvenuta per tutta la notte dopo averlo riavviato.

  • Operatore di rete 3 Italia

Ore 11:00

screen battery 2  In questa ora abbiamo utilizzato solo connessione Wi-Fi:

  • Utilizzato solo Wi-Fi per tutto
  • Effettuato 10 screen shot
  • Caricato 10 screen shot su iCloud in automatico
  • Condiviso 5 screen shot Full-res via mail
  • Navigato nell’applicazione Facebook per 2 minuti circa
  • Effettuato 8 minuti di chiamate
  • Utilizzato Skype con circa 20 aggiornamenti chat
  • Utilizzato Whatsapp con 10 messaggi scambiati
  • Utilizzato Hangouts con circa 20 messaggi tra inviati e ricevuti
  • Scaricato una nuova applicazione e aggiornamenti (30 MB)
  • Letto alcuni Tweet (app ufficiale)
  • Riceveute 6  mail (lette 6)

I dati visualizzabili nello screenshot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora

  • 97% batteria
  • 62,83 Mb scambiati (Tot. 62.83) in Wi-Fi
  • Utilizzo display 18 minuti (Tot. 18 minuti)

Ore 12:00

screen battery 3  In questa ora abbiamo utilizzato solo connessione Wi-Fi:

  • Utilizzato solo Wi-Fi per tutto
  • Effettuato 5 screen shot
  • Caricato 5 screen shot su iCloud automaticamente
  • Inviato 5 screen shot via mail in Full-res
  • Navigato con Safari per 10 minuti su HDblog
  • Effettuato 1 minuto di chiamate
  • Utilizzato Skype con circa 20 aggiornamenti chat
  • Utilizzato Hangouts con circa 10 messaggi tra inviati e ricevuti
  • Giocato 13 minuti a Dead Trigger 2
  • Letto alcuni Tweet (App ufficiale)
  • Riceveute 3 mail (lette 3)
  • Ricevuti 1 SMS – Inviati 2 SMS

I dati visualizzabili nello screenshot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora.

  • 82% batteria
  • 21,86 mb scambiati (Tot. 85,67) in Wi-Fi
  • Utilizzo display 33 minuti (Tot. 51 minuti)

Ore 13:00

screen battery 4In questa ora abbiamo utilizzato solo connessione 3G:

  • Utilizzato solo 3G per tutto
  • Effettuato 5 screen shot
  • Caricato 5 immagini su iCloud automaticamente
  • Navigato con Safari per 3 minuti su HDblog
  • Effettuato 8 minuti di chiamate (2 chiamate)
  • Utilizzato Skype con circa 15 aggiornamenti chat
  • Utilizzato Hangouts con circa 5 messaggi tra inviati e ricevuti
  • Ascoltato 20 minuti di musica tramite Radio Deejay in streaming (19 mb di dati scaricati)
  • Letto alcuni Tweet (App ufficiale)
  • Scaricato applicazione da App Store (10 mb)
  • Riceveute 2  mail (lette 2 e risposta a 1)
  • Ricevuti 3 messaggi whatsapp e 3 risposte

I dati visualizzabili nello screen shot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora.

  • 66% batteria
  • 38,05 mb scambiati (Tot 38.05 mb) in H+
  • Utilizzo display 15 minuti (Tot. 66 minuti)

Ore 14:00

screen battery 5  In questa ora abbiamo utilizzato solo connessione 3G:

  • Utilizzato solo 3G per tutto
  • Effettuato 5 screen shot
  • Caricato 5 immagini su iCloud automaticamente
  • Inviato 5 screen shot in Full-res via mail
  • Navigato con Safari per 10 minuti
  • Effettuato 1 minuto di chiamate
  • Utilizzato Skype con circa 10 aggiornamenti chat
  • Utilizzato Whatsapp con circa 60 messaggi tra inviati e ricevuti
  • Registrato 1 video full-res (1080p) di 4 minuti
  • Effettuato 5 foto
  • Letto alcuni Tweet (app ufficiale)
  • Riceveute 2 mail (lette 2 e risposta a 2)
  • Ricevuto 1 SMS e risposto

I dati visualizzabili nello screen shot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora.

  • 53% batteria
  • 14,68 mb scambiati (Tot 52,75 mb) in H+
  • Utilizzo display 27 minuti (Tot. 93 minuti)

Ore 15:00

screen battery 6

In questa ora abbiamo utilizzato solo la connessione 3G . Causa pausa pranzo è stata un’ora d’utilizzo leggermente più blanda.Non abbiamo eseguito particolari attività ma usato iPhone 5S per messaggi, chat, e download app.

  • Effettuato 5 screen shot
  • Caricato 5 screen shot su iCloud automaticamente
  • Invia 5 screen shot via mail
  • Letto circa 20 messaggi tra Skype e Whatsapp
  • Ricevute 2 mail (2 lette)
  • Scaricato 2 app (80 mb)

I dati visualizzabili nello screen shot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora.

  • 42% batteria
  • 85,58 mb scambiati (Tot 138,35 mb) in H+
  • Utilizzo display 13 minuti (Tot. 106 minuti)

Ore 16:00

screen battery 7

In questa ora abbiamo utilizzato solo connessione wi-fi

  • Utilizzato solo wi-fi per tutto
  • Effettuato 5 screen shot
  • Caricato 5 screen shot su iCloud automaticamente
  • Inviato 5 screen shot via mail in Full-res
  • Navigato con Safari per 3 minuti su HDblog
  • Effettuato 7 minuti di chiamate
  • Utilizzato Skype con circa 15 aggiornamenti chat
  • Utilizzato Hangouts con circa 15 messaggi tra inviati e ricevuti
  • Giocato ad Asphalt 8 per 17 minuti
  • Letto alcuni Tweet (app ufficiale)
  • Ricevute 4 mail (lette 4)
  • 10 messaggi Whatsapp

I dati visualizzabili nello screen shot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora.

  • 24% batteria
  • 74,30 mb scambiati (Tot. 192,91 mb) in Wi-Fi
  • Utilizzo display 26 minuti (Tot. 132 minuti)

Ore 16:50 muore iPhone 5S

screen battery 8

In questa ultima ora siamo riusciti ad eseguire tutte le seguenti operazioni con luminosità massima, in utilizzo misto 3G/Wi-Fi. Alla fine della visione del video “Nexus 5 vs HTC One” da Youtube, iPhone 5S si è spento.

  • Luminosità settata al massimo
  • Utilizzato Wi-Fi e 3G
  • Effettuato 5 screen shot
  • Caricato 5 screen shot su iCloud automaticamente
  • Inviato 5 screen shot via mail in Full-res
  • Effettuato 1 minuto di chiamate
  • Utilizzato Skype con circa 15 aggiornamenti chat
  • Utilizzato Facebook per 10 minuti
  • Visto video confronto HTC One vs Nexus 5 per intero con app youtube
  • Utilizzato Google Maps (navigatore) per 12 minuti
  • Letto alcuni Tweet (app ufficiale)
  • Ricevute 3 mail (lette 3)

I dati visualizzabili nello screen shot sono espressi in Megabyte e riguardano lo scambio dati effettuato durante l’ora.

232,52 mb scambiati (Tot. 424,89 mb) in Wi-Fi
9,66 mb scambiati (Tot 148,03 mb) in H+
Utilizzo display 41 minuti (Tot. 173 minuti)

16.50 muore iPhone

Questi sono i dati parziali, che riassumeremo in modo completo in un prossimo dove riportando le conclusioni dettagliate sul nostro test live.

Nota per chi sostiene che il test sia molto diverso rispetto a quello di Nexus 5

Cliccate su questo link che paragona i due test ora per ora | Link immagine | Sebbene ci siano lievi differenze, le macro operazioni sono le medesime.