Archivio della categoria: Telecomunicazioni

samsung annuncia quali dispositivi riceveranno android 4.4.2 kitkat

fonte: androidiani.com

Samsung annuncia quali dispositivi riceveranno Android 4.4.2 KitKat
Oggi, Samsung ha annunciato ufficialmente quali dei suoi dispositivi ha intenzione di aggiornare ad Android 4.4.2 KitKat. La lista non contiene vere e proprie sorprese, ma è sempre meglio avere delle conferme ufficiali. 

Ci teniamo ad informarvi che la lista si riferisce ai dispositivi rilasciati sul suolo americanoma siamo praticamente certi che questa valga anche per quelli europei:

  • Galaxy Note 3
  • Galaxy Note II
  • Galaxy S4
  • Galaxy S4 mini
  • Galaxy S4 Active
  • Galaxy S4 Zoom
  • Galaxy S III
  • Galaxy S III mini
  • Galaxy Mega
  • Galaxy Light
  • Galaxy Note 8.0
  • Galaxy Tab 3
  • Galaxy Note 10.1
  • Galaxy Note 10.1 2014 Edition

Gli aggiornamenti, afferma infine Samsung, inizieranno a partire da oggi negli Stati Uniti, mentre non si hanno notizie per quanto riguarda l’Europa o l’Italia in particolare.

Samsung Confirms KitKat for U.S. Smartphones and Tablets

DALLAS, February 18, 2014 – Samsung Telecommunications America (Samsung Mobile) announced today that a number of Samsung Galaxy® devices will receive the Android 4.4.2 (KitKat) software update, enriching the Galaxy experience.

The upgrade provides a number of innovative, easy-to-use features that enhance the user experience, including a more intuitive user interface, enhanced messaging capabilities and updated applications:

  • Location Menu: An integrated location menu enables users to easily activate GPS, Wi-Fi and mobile networks, while simultaneously checking the battery usage of apps running location service capabilities.
  • Enhanced Messaging: Enables users to choose between Messages or Hangouts as their preferred default messaging application, and select from a larger assortment of updated Emoji icons.
  • Upgraded Google Mobile Service™ (GMS) apps: Users can automatically back up photos and video and can open, view, rename and share Google Docs and files.

Samsung Galaxy U.S. devices currently scheduled to receive the KitKat update include select carrier variants of the Galaxy Note® 3, Galaxy Note® II, Galaxy S® 4, Galaxy S® 4 mini™, Galaxy S® 4 Active™, Galaxy S® 4 zoom™, Galaxy S® III, Galaxy S® III mini™, Galaxy Mega®, Galaxy Light, Galaxy Note® 8.0, Galaxy Tab® 3, Galaxy Note® 10.1, Galaxy Note® 10.1 2014 Edition.

Availability varies by carrier and product, with updates beginning today and continuing throughout the coming months

Google aggiorna Maps, Hangouts, Drive e Search

Google aggiorna Maps, Hangouts, Drive e Search
In questi minuti Google ha ufficialmente rilasciato nuovi e piccoli update per le proprie applicazioni Android, precisamente Maps, Hangouts, Drive e Search. Purtroppo ancora non ne conosciamo i reali cambiamenti dato che non sono stati forniti i changelog ufficiali, inoltre solo per Maps è già disponibile al download l’APK

Partendo da Google Maps, si passa dalla versione 7.5 alla 7.6, la quale porta novità per quanto riguarda una maggiore integrazione di Offers, che adesso permette di poter gestire meglio le offerte che BigG ci segnala. Altri piccoli cambiamenti sono stati apportati per migliorare l’esperienza utente con KitKat.

maps-7.6-android-2-513x450

Di seguito il badge ed anche il link per il download dell’APK:

 


Maps

0
500,000,000 – 1,000,000,000
Link Google Play Store

 

Google Maps 7.6 mirror #1

Drive si aggiorna alla versione 1.2.536.27 e porta il supporto alle immagini GIF, un nuovo widget per lo scanning di immagini ed altri bug-fix.

nexusae0_Screenshot_2014-02-05-13-22-32_thumb

Ecco il link per il download:


Google Drive

0
50,000,000 – 100,000,000
Link Google Play Store

Drive APK

Invece per quanto riguarda Hangouts e Search non abbiamo molte informazioni, perciò non possiamo far altro che riportarvi i badge per il download degli update.


Hangouts (replaces Talk)

0
100,000,000 – 500,000,000
Link Google Play Store

 


Google Search

0
500,000,000 – 1,000,000,000
Link Google Play Store

 

Google Maps per Android segnala adesso il percorso più veloce in caso di traffico

fonte: tuttoandroid.net

Navigation with Dynamic Rerouting

Google ha appena annunciato un aggiornamento per l’applicazione Maps per Android e iOS, che siamo sicuri renderà felici molti di voi e non solo. Parliamo di un aggiornamento che ha lo scopo di introdurre una funzione che aspettavamo ormai da tempo, ma che solo ora Google ha deciso di aggiungere.

Maps d’ora in poi segnalerà, in caso di traffico, un percorso più veloce, se presente, da poter seguire, in modo da evitare lunghe code e risparmiare così tempo, come vediamo dalle immagini qui sopra. Questa nuova funzione viene introdotta da un aggiornamento che è già disponibile per iOS e che dovrebbe essere disponibile, salvo imprevisti, anche per Android entro qualche ora.

La paura è ovviamente una sola: speriamo che non sia disponibile solamente negli USA, ma per saperlo con certezza non possiamo fare altro che aspettare l’aggiornamento. Google, infatti, si è limitata a fornire solamente poche informazioni, non specificando nulla al riguardo. Vi lasciamo qui sotto il badge per verificare la disponibilità dell’aggiornamento e scaricare l’applicazione.

Android 4.5 KitKat – Parte 2: nuove immagini e funzioni del concept della prossima versione di Android

fonte: tuttoandroid.net

android 4.5 concept

Ci eravamo lasciati con pixel-shift esattamente il giorno 2 Gennaio scorso, quando i componenti del team avevano pubblicato appunto sul sito le prime immagini del loro concept della prossima versione di Android, che loro pensano si chiamerà Android 4.5 KitKat. Naturalmente si tratta solo di un’idea di come il team vorrebbe che fosse la prossima versione del sistema operativo rilasciato da Google, per cui tutte le immagini che vedrete nell’articolo non sono da ritenere ufficiali.

Nelle prime immagini del concept, che sono riportate nel nostro precedente articolo del mese scorso, si poteva notare una certa tendenza al bianco ancora più accentuata rispetto all’attuale versione di Android KitKat ed una maggiore omogeneità dell’intera interfaccia. In queste nuove immagini che sono relative alla parte 2 del lavoro del team si può invece notare come si sia intervenuti sulle schermate di primo avvio del dispositivo e sulla scelta del tema da applicare.

android-mock-setup-1android-mock-setup-2

Per quanto riguarda il lato puramente estetico, si può notare che il team ha completamente ridisegnato tutte le schermate di primo avvio, ovvero quella inerente all’accesso con il proprio account Gmail, quella del ripristino dei dati ed anche altre che sono state aggiunte per mettere in evidenza alcune nuove funzionalità. Secondo il team, infatti, la “loro” versione di Android 4.5 KitKat avrà il ripristino automatico dei dati direttamente da Google Drive ed offrirà all’utente la possibilità di selezionare quale tema impostare di default: nero, bianco o misto.

android-mock-setup-3android-mock-setup-4android-mock-settings

android-mock-calc

Anche se, come detto in precedenza, queste immagini non sono reali, ci auguriamo che qualche team di sviluppo di custom ROM inizi a collaborare con pixel-shift in modo da poter introdurre tutte queste novità (almeno per quanto riguarda l’interfaccia) nelle proprie ROM.

Le immagini in alta risoluzione le trovate nella galleria qui in basso mentre nei commenti potete esprimere la vostra opinione riguardo questo concept.

Da Google un tool per verificare la qualità della connessione ad internet

fonte: hwupgrade.it

Google ha recentemente rilasciato una web-app che ha l’obiettivo di valutare la nostra connessione ad internet per la visualizzazione di contenuti HD su YouTube. Nello specifico la finalità di Video Quality Report è di verificare l’affidabilità e la velocità di connessione di un provider internet in una specifica area geografica con il social network multimediale. Come riportaEngadget, tuttavia, il servizio è attualmente disponibile solo in Canada.

Google Video Quality Report

I provider che riescono a gestire con efficacia video a 720p (senza quindi palesare incertezze sulla riproduzione dei contenuti) almeno nel 90% dei casi vengono contrassegnati come “YouTube HD Verified”. Si tratta di uno strumento utile per l’utente finale, così come per il provider: entrambi possono infatti verificare la bontà della connessione internet offerta o ricevuta mediante l’analisi di uno dei servizi online più diffusi ed utilizzati in assoluto. L’utente potrà, inoltre, operare la scelta del provider partendo dai risultati ottenuti nei test di Google.

All’interno del sito, Google ci mostra le varie operazioni necessarie per l’invio dei contenuti multimediali dai server all’ISP per arrivare infine al nostro computer. YouTube dispone di una serie di copie dei video più diffusi in server diversi in tutto il mondo, scegliendo quindi “la strada più veloce” una volta che viene premuto il tasto Play dall’utente.

La congestione delle reti in ogni singola “tratta” da seguire, pertanto, può portare a performance non in linea con quanto richiesto dai video HD più pesanti. Naturalmente, la diffusione del nuovo tool darà alcuni vantaggi diretti anche a Google, volti a migliorare il servizio alla base di YouTube. La società potrà investire in infrastrutture ancora più vicine agli stessi provider per rendere la riproduzione dei contenuti in alta definizione più fluida e stabile possibile.

Video Quality Report è disponibile, come detto poco sopra, esclusivamente in Canada al momento in cui scriviamo. Google non ha rilasciato dettagli riguardo al roll-out in altre aree geografiche.

Rapporto Caio sulla banda larga consegnato a Enrico Letta

fonte: www.tomshw.it

Ieri pomeriggio il presidente Enrico Letta ha ricevuto la bozza del Rapporto sullo stato dell’infrastruttura di banda larga in Italia firmato dal Commissario per l’Agenda Digitale Francesco Caio.

Il Rapporto

Si tratta del documento chiave per lo sviluppo della rete in Italia. Da rilevare l’autorevolezza dell’analisi frutto anche della consulenza degli esperti Gérard Pogorel, professore emerito dell’Università ParisTech di Parigi, e Scott Marcus, già advisor della Federal Communication Commission, il regolatore americano.

Il Rapporto, che verrà presentato la prossima settimana, contiene un’analisi degli investimenti sin qui fatti e dei piani di sviluppo dei principali gestori, al fine di valutarne la congruenza con gli obiettivi di copertura indicati dalla UE per il 2020, e include proposte per un ruolo più attivo della Presidenza del Consiglio nella definizione e monitoraggio della politica industriale nel settore delle comunicazioni digitali“, sottolinea la nota di Palazzo Chigi.

“Daremo subito attuazione al Rapporto in maniera stringente”, ha dichiarato Letta.

Snapdragon 810: otto core e 64 bit nel futuro di Qualcomm?

fonte: tomshw.it

Nella seconda parte del 2014 Qualcomm potrebbe svelare il suo primo SoC con otto core a 64 bit. Secondo indiscrezioni l’azienda statunitense starebbe lavorando su Snapdragon 810, un chip con otto core capaci di funzionare in modo indipendente fino a 2.5 GHz, coadiuvati da 4 MB di cache L2.

La GPU potrebbe essere una Adreno 430 impostata a 500 MHz, compatibile con OpenGL ES 3.0, DirectX 11.1 e OpenCL 1.2 e in grado di assicurare un pixel fillrate di 6 Gpix/s e capace di gestire 500 milioni di triangoli al secondo. Il SoC sarebbe inoltre compatibile con memoria LPDDR3 fino a 4 GB e 1600 MHz.

Per quanto riguarda il processo produttivo, Qualcomm dovrebbe usare i 20 nanometri, confezionando così un chip potente ma anche in grado di consumare il giusto. Se Snapdragon 810 dovesse davvero vedere la luce, non solo avremo la seconda soluzione a 64 bit dopo lo Snapdragon 410, ma anche un temibile concorrente per gli altri chip di punta che debutteranno nei prossimi mesi, dalle due versioni di Tegra K1 fino a un nuovo Exynos su cui Samsung sta lavorando da tempo.

Nel 2013 raddoppiato il traffico dati mobile

fonte: tuttoandroid.net

lte

Gli ultimi dati diffusi da Chetam Sharma, azienda che opera nel mondo degli operatori mobile, confermano una tendenza che ormai va avanti da un po’.

Ci riferiamo all’aumento del consumo di traffico dati da dispositivi mobile che, stando al report, nel 2013 sarebbe quasi raddoppiato rispetto ai 12 mesi precedenti.

Se negli Stati Uniti la media mensile del traffico dati per utente è passata da 690MB a 1,2GB, anche a livello globale si è assistito ad un importante aumento: dai 140MB spesi mediamente ogni mese nel 2012, infatti, si è saliti nel corso di quest’anno a circa 240MB.

A dire di Chetam Sharma l’imponente crescita del consumo di traffico dati è da attribuire in gran parte all’espansione della tecnologia LTE, supportata da un sempre maggior numero di carrier nei principali mercati. A spingere in alto l’asticella, inoltre, vi sarebbe anche il continuo aumento di smartphone dagli ampi display, feature che indubbiamente invoglia gli utenti ad usufruire dei servizi Web in mobilità.

Indubbiamente tra i più contenti per questa costante crescita del traffico dati in prima fila vi saranno gli operatori mobile. Come dargli torto?

Ecco qual è lo smartphone con la durata della batteria maggiore

fonte: ispazio.net

Sulla batteria c’è poco da discutere: la sua durata è una delle caratteristiche più importanti per la quale gli utenti dedicano particolare attenzione quando si apprestano ad acquistare un nuovo smartphone.

batteria

Subito a seguire la qualità della fotocamera, la velocità di elaborazione e la risoluzione dello schermo, anche se queste caratteristiche hanno raggiunto un livello abbastanza soddisfacente su gran parte degli smartphone di ultima generazione.

Attraverso un recente studio, è stata stilata una lista dei dispositivi con la migliore durata della batteria: è interessante notare che i dispositivi “migliori” non figurano nella Top 10, in quanto per una migliore durata della batteria sono necessari processori limitati e ben gestiti, batterie capienti e schermi con risoluzioni inferiori ai 1080p.

Il primo della lista è il Lenovo P780, con la sua gigantesca batteria da 4000mAh. Ecco la lista completa:

  1. Lenovo P780
  2. Sony Xperia C
  3. Oppo N1
  4. Sony Xperia E
  5. HTC One Max
  6. LG G Flex
  7. Samsung Galaxy Pocket Neo
  8. Motorola Droid MAXX
  9. LG G2
  10. LG Optimus L7 II
  11. Samsung Galaxy Note II
  12. HTC Desire 300
  13. Oppo R819
  14. Samsung Galaxy Note III
  15. Samsung Galaxy Ace 3
  16. Sony Xperia L

LG Nexus 5: ecco un primo test sulla durata della batteria

fonte: androidiani.com

LG Nexus 5: ecco un primo test sulla durata della batteria

LG Nexus 5: ecco un primo test sulla durata della batteria

Come ben sappiamo, per valutare le performance della batteria di un qualsiasi smartphone sono necessari molti cicli di ricarica, ma nonostante ciò già sono arrivati sul web i primi risultati dei test sulla durata della batteria del Nexus 5. I colleghi di PhoneArena avrebbero effettuato un primo test tramite uno script che solitamente utilizzano per i test di questo genere, ed i risultati hanno mostrato un minimo, quasi impercettibile, miglioramento rispetto al predecessore.

Ecco il risultato del test svolto da PhoneArena:nexus-5-batteria

Il risultato raggiunto dal Nexus 5 non è certamente uno dei migliori del mercato, ma fortunatamente non è peggiorato rispetto al predecessore. Come avrete notato dal grafico, il nuovo Google-Phone si posiziona subito dietro i rivali top-gamma come iPhone 5SSamsung Galaxy S4 ed anche il buon LG G2.

Purtroppo, alcuni risultati di questo test non coincidono con l’esperienza personale di molti utenti, perciò prima di poter valutare la batteria vi consigliamo di attendere un nostro test approfondito. Questo lo possiamo considerare un buon punto di partenza.